Ipertensione: Cause, Valori, Rimedi Naturali

Ipertensione Rimedi Naturali
L’ipertensione è una patologia particolarmente insidiosa: non ha sintomi evidenti, e nell’immaginario collettivo, non è nemmeno considerata come una vera e propria malattia. Soffrire di pressione alta, invece, può portare a numerose complicazioni che compromettono la salute dell’organismo. È assolutamente necessario, quindi, che i livelli della pressione arteriosa siano continuamente monitorati. In questa sezione cercheremo di capire cosa vuol dire soffrire di ipertensione, e in quale modo questa patologia può essere dannosa per l’organismo. Inoltre sfatere mo tutti i falsi miti che si legano a questa affezione così diffusa.

Ipertensione: Cause

Le cause dell’ipertensione possono essere distinte in due categorie, primaria e secondaria, nel primo caso è dovuta allo stile di vita e alla dieta che seguiamo sbagliata, invece nel secondo caso sono conseguenze di altre patologie tra cui: diabete, malattie renali, infezioni delle vie urinarie, assunzioni di farmaci o sostanze ipertensiogene.

Ipertensione: Valori

I valori per tenere sotto controllo l’ipertensione secondo le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, la pressione è ottimale quando la massima è inferiore a 120 e la minima è inferiore a 80. Quando i valori si aggirano intorno a 130 di massima e 60 di minima allora si parla di “pressione normale”. Se invece la massima è compresa tra 130 e 139 e la minima tra 85 e 89, allora in medicina si parla di “pressione alta”. Nei casi di “ipertensione lieve”, invece, la massima oscilla tra 140 e 159, mentre la minima tra 90 e 98. I casi di “ipertensione moderata” sono quelli che registrano una massima compresa tra 160 e 179, e una minima che oscilla tra 100 e 109. I casi più gravi di ipertensione sono quelli in cui la massima supera i 180 e la minima i 110. La pressione è soggetta a numerose variazioni nel corso della giornata, e quindi per ottenere i valori precisi di un paziente è necessario calcolare una media tra diverse misurazioni eseguite in diversi momenti della giornata.

 

Ipertensione Valori

Ipertensione: Rimedi Naturali

Il vantaggio delle cure naturali è che non si limitano ad agire sul sintomo, ma consentono di riequilibrare l’organismo nel suo complesso. Se le piante funzionano su di noi è perché, con esse, siamo in qualche modo compatibili. Esse forniscono al nostro organismo gli “strumenti” attraverso i quali risolvere un disturbo, lasciandolo libero di utilizzarli secondo la sua necessità. Così i rimedi naturali diventano una risorsa che ci “entra” dentro, allineandosi con noi e permettendoci di ripristinare quell’armonia alla quale il nostro corpo tende e che noi chiamiamo salute. Le soluzioni omeopatiche, fitoterapiche e delle altre branche della medicina naturale non creano quello stato artificiale da “effetto immediato” che si porta dietro innumerevoli controindicazioni: esse agiscono alla radice e contemporaneamente su psiche e corpo. È questo il grande vantaggio di chi sceglie la “strada verde” per arrivare alla guarigione. Alcuni rimedi naturali che possiamo utilizzare sono:

1. Sulphur

sulphur

Il rimedio ottenuto dallo zolfo, è indicato per uno stato ipertensivo costante che si manifesta con una temperatura corporea altalenante e con formicolio agli arti. Spesso i piedi e le gambe sono freddi, altre volte troppo cal di: questo susseguirsi di cambi porta spossatezza e subito dopo agitazione, stati che il soggetto vive con continua apprensione.

Modo d’uso

Sulphur alla 5 CH, cinque granuli, 3 volte al dì,  fino a miglioramento.

2. Tè di Giava

tè di giava

Comunemente chiamato tè di Giava, l’orthosiphon rappresenta un valido alleato contro l’ipertensione arteriosa perché possiede efficaci proprietà ipotensive, diuretiche e depurative. Le parti utilizzate sono le foglie e le estremità degli steli, fatti essiccare e poi frammentati.

Come si assume

Infuso: metti 10 g di foglie in 500 ml di acqua bollente, lascia riposare 10-15 minuti, filtra e bevi.

Compresse: la dose varia in base al prodotto acquistato, generalmente è di 3 compresse al giorno.

3. Ibisco

Gli studi di laboratorio dimostrano che l’ibisco che viene usato per la preparazione di tè, tisane e altre bevande, ha proprietà antiossidanti che proteggono la circolazione. Esperimenti sugli animali hanno mostrato che gli estratti dei suoi calici hanno la capacità di ridurre i livelli del colesterolo e della pressione. È stato condotto uno studio anche sugli esseri umani, esaminando gli effetti della tisana di ibisco sull’ipertensione: il risultato è stato che dopo 6 settimane la bevanda a base di ibisco aveva abbassato la pressione sistolica in maniera ritenuta signicativa e anche quella diastolica, sia pure in misura inferiore.

Prepara così l’infuso di fiori

Puoi fare un infuso di  fiori di ibisco, acquistandoli essiccati in erboristeria (esistono anche in comode bustine). Nota anche con il nome di karkadè, questa bevanda si prepara versando 1,5 g di  ori essiccati in 150 ml di acqua portata precedentemente a bollore. Lascia in infusione per 5-10 minuti,  filtra e bevi più tazze durante giorno. In alternativa puoi preparare un infuso versando un cucchiaio di  ori in un litro d’acqua bollente;  filtra e bevi durante la giornata. L’infuso di fiori di ibisco può essere assunto anche freddo. Non contiene caffeina e non è eccitante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *